Vitalizi, Lanzi (M5S): “Zani poco attento agli squilibri sociali del Paese ma molto ai propri privilegi”

E’ interessante il punto di vista assolutamente fuori da ogni logica che Mauro Zani ha espresso nell’intervista odierna al Corriere di Bologna. Anzi, una logica ce l’ha; quella di portare avanti l’interesse personalistico fregandosene di quella che è la realtà sociale del Paese. Il riconteggio della pensione degli ex deputati è stato finalmente approvato la scorsa settimana dopo decenni di inutile attesa, un cambiamento epocale che va a sanare una grande ingiustizia sociale. La pensione che Zani percepirà in futuro sarà, per la prima volta, riconteggiata prendendo in esame i contributi che ha realmente versato. Mi sembra che gli oltre cinquemila euro che percepirà sono una cifra assai elevata considerando che fino ad oggi ha beneficiato di una cifra superiore che non gli spettava, o meglio che gli spettava secondo un regolamento ingiusto ed iniquo che finalmente è stato corretto. Senza contare che da un esponente dell’ex Pds-Ds mi sarei aspettato maggior tatto e attenzione nell’affrontare il tema dei vitalizi e della sperequazione sociale che porta. La battaglia parlamentare però non è finita, ora tocca al Senato dove ancora permangono delle resistenze in Ufficio di Presidenza. Noi andiamo avanti nella nostra crociata per la trasparenza contro i privilegi di pochi perpetrati da anni alle spalle dei cittadini.

Be the first to comment on "Vitalizi, Lanzi (M5S): “Zani poco attento agli squilibri sociali del Paese ma molto ai propri privilegi”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?