FCA, Girotto e Lanzi: “I nuovi vertici aziendali ribadiscano la centralità della produzione italiana”

Roma, 24 luglio 2018 – “L’uscita di scena per problemi di salute di Sergio Marchionne, unita a quella del Responsabile per le attività europee Alfredo Altavilla, ha generato molta preoccupazione nelle migliaia di lavoratori degli stabilimenti dislocati nel nostro Paese. Inoltre, la volatilità del titolo FIAT nelle ultime ore testimonia come anche gli stessi investitori cerchino chiarezza sui piani aziendali futuri” affermano Gianni Girotto, Presidente della Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato e Gabriele Lanzi, membro della stessa Commissione.

“I nuovi vertici del gruppo FCA devono fare chiarezza e fornire rassicurazioni in merito al futuro del gruppo e degli stabilimenti produttivi localizzati sul territorio italiano. I prossimi anni si prospettano impegnativi per il gruppo, sia per lo sviluppo di nuovi modelli, sia per l’elettrificazione dei marchi. Chiediamo però che sia anche ribadita l’importanza dell’identità italo-americana di FCA e la centralità della produzione Made in Italy. FCA è nato grazie alla grande visione di Sergio Marchionne ed è cresciuto per merito del lavoro di migliaia di italiani; ora sta a Manley raccogliere la sua eredità, salvaguardare quanto di buono è stato costruito e portare il gruppo verso un futuro sempre più innovativo e sostenibile, per i lavoratori e per l’ambiente”.

Be the first to comment on "FCA, Girotto e Lanzi: “I nuovi vertici aziendali ribadiscano la centralità della produzione italiana”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?