Berlusconi, Lanzi (M5S): “Parlare di Berlusconi in Parlamento nel 2018 è ormai anacronistico” 

“Il Presidente della Liguria Toti si concentri sulla sua attività di Governatore evitando di riferirsi alla decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare parlando di ‘vulnus’. Se c’è stata una offesa, negli ultimi vent’anni, è stata nei confronti di tutti quei cittadini onesti che se commettessero reati dovrebbero anche scontare la relativa pena perché non possono permettersi eserciti di avvocati e una pletora di parlamentari al suo servizio. E’ quanto afferma Gabriele Lanzi, Senatore del M5S, commentando le parole del Presidente della Regione Liguria.

“Se i giudici del tribunale di Sorveglianza di Milano, lo scorso mese di maggio, hanno rilevato la buona condotta di Berlusconi e sottolineato che le pendenze penali che ancora persistono (Processo Rubi-ter e Stragi di mafia del 1993) non sono un ostacolo alla buona condotta e alla agibilità politica, però lo sono moralmente agli occhi di milioni di italiani che hanno diritto di avere rappresentanti politici trasparenti. Parlare di ritorno di Silvio Berlusconi in Parlamento nel 2018, senza neanche considerare il drastico calo del suo consenso elettorale, è ormai anacronistico. Forza Italia – conclude Lanzi –  deve aver presente che è iniziata una nuova fase nel nostro Paese e che non c’è, da parte degli italiani, la voglia di ritornare alla seconda Repubblica”.

Be the first to comment on "Berlusconi, Lanzi (M5S): “Parlare di Berlusconi in Parlamento nel 2018 è ormai anacronistico” "

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?