IMU AGRICOLA: Dell’Orco (M5S): “Balzello iniquo, il PD sta commettendo grave errore”

I parlamentari emiliani votino emendamenti M5S

“Sull’IMU agricola il PD sta commettendo un grave errore e ha un atteggiamento schizofrenico: da una parte c’è infatti Bonaccini che investe fondi sull’Expo di Milano e lo pubblicizza come un’occasione straordinaria per la Regione Emilia-Romagna di valorizzare le nostre eccellenze nel campo agricolo e agroalimentare, dall’altra in Parlamento c’è invece la maggioranza di governo che sta procedendo in tutta fretta ad introdurre un balzello iniquo e pasticciato che deprimerà il settore agricolo”. Lo dichiara Michele Dell’Orco, deputato emiliano M5S a proposito dei lavori sul disegno di legge di conversione del decreto-legge 24 gennaio 2015, n.4 recante misure urgenti in materia di esenzione IMU che la prossima settimana dovrebbe approdare in Aula.

“Il nostro Paese –spiega il deputato- è conosciuto in tutto il mondo come il Paese della “buona tavola”, è del tutto illogico e autolesionista quindi non favorire e valorizzare il settore agricolo e agroalimentare. Per questo abbiamo presentato come Movimento 5 Stelle diversi emendamenti che a partire dall’esenzione totale dell’IMU agricola tendono ad inserire più categorie possibili tra quelle esentate. Sappiamo però che il Governo ha introdotto la “tassa sulla terra” per finanziare il bonus di 80 euro, che quindi verranno pagati comunque dai cittadini”.

Conclude Dell’Orco: “Porteremo  anche in aula  la nostra battaglia di buon senso per abbattere l’IMU sui terreni agricoli, per questo chiedo a tutti i parlamentari emiliani di votare i nostri emendamenti, noi faremo altrettanto nei confronti di tutti coloro che si schiereranno apertamente contro questa imposta che reputiamo scorretta e incostituzionale”.

——–

Michele Dell’Orco

Cittadino Deputato – Movimento 5 Stelle

Be the first to comment on "IMU AGRICOLA: Dell’Orco (M5S): “Balzello iniquo, il PD sta commettendo grave errore”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?