Come evitare i sottopassi? La Monorotaia!

I GRILLINIFORMIGINESI HANNO FINALMENTE INCONTRATO
L’ASSESSORE SEVERI DI SASSUOLO


Ci siamo posti il problema di come evitare che vengano scavati 8 sottopassaggi tra Sassuolo e Modena per fare in modo che venganosmantellati i fastidiosissimi passaggi a livello che tanto ci fanno aspettare ed inquinare.

Ci siamo chiesti se scavare voragini sotterranee fosse l’unica soluzione possibile o se per una volta le amministrazioni di diversi comuni confinanti potessero mettersi gli occhiali e cancellare la miopia che le perseguita. Miopia dovuta a politiche di breve periodo che ciclicamente devono essere corrette. Miopia dovuta alle gelosie tra un’amministrazione ed un’altra. Miopia dovuta al fatto che scelte paganti solo nel lungo periodo non garantiscono la poltrona nelle
legislature immediatamente successive a quella in corso.
Abbiamo trovato una valida ed intelligente alternativa nella monorotaia.
Perché?

Perché in tutto il mondo se ne parla e perché in tutto il mondo la tecnologia va sempre di più verso questo strumento per la mobilità dei cittadini (vedi “People moover” di Bologna). Perché ci sono esempi di monorotaia che non inquina (al contrario del treno, che per far
funzionare si producono svariate tonnellate di CO2 l’anno). Perché non comportano lo stravolgimento della viabilità cittadina e non durante la costruzione delle strutture necessarie. Perché possono funzionare anche senza conducente, eliminando di fatto l’errore umano come causa degli incidenti. Perché non comportano la costruzione di sottopassaggi, che sono oltre che dispendiosi, pericolosi.


Il 30/11/2009 abbiamo incontrato l’Assessore all’Urbanistica di Sassuolo, Claudia Severi, accompagnati da un rappresentante dell’associazione vittime della strada, ed abbiamo esposto la nostra proposta. Abbiamo sottolineato i disagi che tutt’ora ci sono sulla
Pedemontana con il passaggio a livello e come un eventuale sottopassaggio comporterebbe tempi biblici per la sua realizzazione senza la garanzia che la Pedemontana stessa possa continuare a fungere da arteria del traffico commerciale per le industrie ceramiche.
Abbiamo esposto tutte le ragioni di carattere ambientale ed urbanistico possibili. L’Assessore ha convenuto con noi che mettere d’accordo 4 amministrazioni comunali (Sassuolo, Formigine, Fiorano Modenese e Modena) più 2 enti diversi (FER e Amo), non è cosa facile,
ma che la proposta può e deve essere valutata ed approfondita. Ha infatti chiamato all’incontro gli ingengneri Rino Michele e Pesare per conoscere il loro pensiero in merito e gli stessi hanno confermato che una valutazione costi / benefici dell’operazione sarebbe doverosa e
che nonostante le difficoltà non si può scartare a priori questa opzione.
Ci chiediamo come mai quando Amo, Fer e i 4 comuni interessati hanno individuato nei sottopassaggi l’unico sistema per garantire un tempo di percorrenza “conveniente” per la tratta Modena-Sassuolo, non gli sia neanche passato per la testa un sistema a monorataia che in tutto il mondo viene pensato e sempre più spesso usato.


Ah, dimenticavo la miopia.

Michele Dell’Orco

Be the first to comment on "Come evitare i sottopassi? La Monorotaia!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Perché?